bollino ceralaccato

“I CADAVERI SI NASCONDONO BENE NELLA SECONDA PAGINA DI GOOGLE”… SARA’ VERO?

Conquistare la prima pagina di Google è sicuramente utile per sviluppare il business, ma anche posizionarsi nella seconda pagina di Google produce risultati

 

"La psicanalisi è un mito tenuto vivo dall'industria dei divani" diceva Woody Allen. La citazione, con un parallelismo audace, ma non troppo, si applica efficacemente anche al "mito" della prima pagina di Google, che da molti anni sembra tabù inviolabile per chi fa Web Marketing.

Per Esserci in Google occorre figurare in prima pagina, possibilmente nelle prime posizioni "above the fold" (ovvero "sopra la piega", nella parte superiore della pagina). Questo il mantra ripetuto per anni dagli esperti che fa molto gioco, ovviamente, a chi si occupa di advertising.

Intendiamoci: soprattutto in certi ambiti, posizionarsi in prima pagina è certamente più premiante.  Ma il concetto nuovo, sempre più evidente, è che Google rappresenta ormai un Referenziatore commerciale anche per problematiche, competenze, servizi complessi, fondamentale per qualunque business. Ne consegue che, anche qualora Google dovesse referenziare il tuo Business in seconda pagina, ciò porterebbe comunque dei risultati proficui.  Un cambiamento di "paradigma" che è culturale oltre che tecnico. 

Persino il CTR (click to rate, ossia il tasso di click da parte degli utenti in funzione del posizionamento nella SERP - Search Engine Results Page, la pagina dei risultati del motore di ricerca), può avere ancora valori interessanti anche per posizioni oltre la decima e addirittura oltre la ventesima pagina!  

Guardiamo, ad esempio, a settori molto competitivi, con kw quali: 

Attrarre clienti

Trading online

Noleggio stampanti

In tutti e tre i casi, con link diretto alla ricerca Google, è possibile ravvisare la presenza di annunci pubblicitari anche in seconda pagina e in qualche caso anche in terza.

Ciò in forza dei dati che testimoniano che l'interesse degli utenti, e dunque il tasso di click, non si ferma solo alla prima pagina.

L'infografica qui di seguito (Fonte: www.blogtrepreneur.com) lo racconta efficacemente.

Due dati si impongono all'attenzione:

1) Il 65% degli utenti non clicca sugli ANNunci pubblicitari (inserzioni Adwords);

2) Il 90% degli utenti verifica regolarmente anche i risultati presenti in seconda pagina di Google. 

 

Seconda pagina Google infografica

 

 

Vuoi capire come promuovere in Rete il tuo Business, senza pagare Adwords? Scrivici a:

 

archiviato sotto: , ,
Angela Chirico

Angela Chirico

  • Azienda: ComplexLab
  • Posizione: Marketing & Business Development Manager
  • Città: Milano
  • Curriculum Vitae: scarica
  • Email:angela.chirico@complexlab.it
  • Competenze:
    • Marketing&Business Development
    • Lead generation
    • Business Intelligence
    • Web & Social Media Management
    • SEO Strategies
Sei interessato?
Segui questo progetto

Ogni volta che verrà inserito un nuovo articolo riceverai una notifica direttamente nella tua casella email.

Dello stesso autore
VUOI DIVENTARE IMPRENDITORE DI TE... SENZA GOOGLE?

Inizia bene il nuovo anno! Impara a scrivere Contenuti di qualità che piacciano a Google per attirare in Rete Clienti e Capitali

SEI STUFO DEI "FALSARI" DI COMPETENZE? GOOGLE LI SMASCHERA!

Promuovere le competenze in rete: Google permette di aumentare la reputazione personale online e, al tempo stesso, smaschera chi le competenze non le ha...

CERCHI LAVORO… ANCORA CON COLLOQUI E CV?

Addio vecchio curriculum! Cerchi lavoro o nuove opportunità di business? Diventa imprenditore di te stesso: sfrutta le potenzialità del web grazie a ComplexLab

TU, DIGITAL INNOVATOR… SENZA IL RISCHIO DI ESSERE IL “PRIMO INGENUO”?

Abbraccia l’innovazione digitale: scopri il rivoluzionario sistema di pubblicità persistente in Google di ComplexLab attestato già da numerose referenze

VUOI SFRUTTARE GOOGLE O... CAPIRLO?

Google il referenziatore: produrre contenuti di qualità per Google è fondamentale per guadagnare la sua fiducia, e "lui" ricambierà referenziandoci ai suoi utenti!

MOLTI REFERENZIATORI DISCRIMINANO... GOOGLE NO!

In Rete è possibile fare emergere le proprie competenze professionali prima di eventuali fattori discriminanti come l’aspetto estetico, le disabilità o altro

×